Anche la Basilicata spalanca le sue porte alle famiglie per la  Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo.

Intensa la programmazione messa in campo dalla Polo museale della Basilicata e di seguito i vari programmi:

Matera, Museo Nazionale d’Arte Medievale e Moderna della Basilicata – Palazzo Lanfranchi.

A Palazzo Lanfranchi saranno illustrate ai visitatori le fasi di restauro che hanno interessato la scultura policroma raffigurante il Duca Marco Malvinni che contribuì con cinquemila ducati alla costruzione del palazzo sede del museo.

Un’occasione per i bambini e le loro famiglie di entrare in contatto con la funzione educativa del museo in tema di tutela, conservazione e restauro del patrimonio culturale.

Durata: 1 ora

Turni: ore 10.30 e 16.30

Potenza, Museo Archeologico Nazionale della Basilicata Dinu Adamesteanu.

Il percorso museale “Il Museo Dinu Adamesteanu: i reperti narrano l’incontro di popoli e culture” consentirà di cogliere la complessa articolazione etnica della Basilicata antica, di ricostruire la storia di un territorio, l’incontro tra genti di stirpe e cultura diversa, dimostrando come il Museo è anche un luogo di confronto culturale.

L’esplorazione delle sale espositive si esplicherà attraverso un’attività di analisi dinamica:  utilizzando “schede operative” i piccoli fruitori e le loro famiglie saranno coinvolti in attività di osservazione, d’individuazione e di analisi dei reperti caratterizzanti le diverse culture documentate,  attraverso principi di generalizzazione, di associazione e di catalogazione.

Si organizzerà una “caccia al tesoro”, attraverso l’ausilio di “schede gioco” da risolvere a tappe tramite la soluzione dei quesiti, per esplorare e individuare i reperti che narrano l’interazione tra le popolazioni indigene e i Greci d’Occidente.

Sarà allestita una postazione per colorare, ritagliare, riprodurre graficamente i reperti utilizzando anche un kit di visita appositamente predisposto [un activity book, con indovinelli da risolvere, labirinti grafici da completare, un puzzle da ricomporre]. Nell’aula didattica i bambini, stimolati in attività creative rielaboreranno quanto appreso nelle fasi precedenti e completeranno il processo di conoscenza avviato.

 

Bambini dai 5 ai 10 anni con le proprie famiglie

Durata: 3 ore

Turni: ore 10.30 e 16.30

Policoro, Museo Archeologico Nazionale della Siritide.

“Archeologia della terra lucana: conosco, creo, condivido”. A partire dai reperti archeologici esposti nel Museo Nazionale della Siritide di Policoro si affronteranno 5 grandi tematiche sociali sotto il profilo storico-archeologico e socio-culturale, in un continuo alternarsi tra passato e presente: il viaggio, la guerra, la pace, il cibo e lo sport. Ciascun tema sarà rappresentato attraverso il racconto dell’operatore (archeologo) e successivamente attraverso la realizzazione da parte dei bambini di “un’opera d’arte” su tela in cui potranno esprimere liberamente la propria creatività e sensibilità. Le opere realizzate potranno essere esposte in una mostra temporanea all’interno delle sale del Museo.

Con il coinvolgimento degli adulti genitori o familiari accompagnatori, i bambini utilizzeranno materiale di varia natura, ma soprattutto di riciclo (carta e cartone, lana, bottoni, stoffe, tappi di bottiglia e di sughero, pasta, semi e legumi, colla, forbici) a sottolineare l’importanza della diversità anche nella manipolazione.

L’attività è destinata ai bambini dagli 8 ai 12 anni; prevede un gruppo max. di 20 partecipanti suddivisi in due turni da svolgersi di mattina e di pomeridiano per una durata di circa 2 ore ciascuno.

Durata 2 ore

Turni: ore 10.30 e 16.30

Venosa, Museo Archeologico Nazionale, Castello Pirro del Balzo.

Famiglie nel tempo. Il Museo presenta: “Dauni e Romani: vita quotidiana e riti legati al passaggio dall’infanzia  all’adolescenza”.Con questo tema si vogliono raccontare ai bambini in età scolare i riti con cui le antiche comunità locali celebravano la transizione  dallo stato infantile a quello adulto. I giovinetti da impuberi diventavano puberi e come tali capaci di lavorare o di ricoprire il ruolo di guerriero. Le bambine, invece, assumevano, con l’inizio dell’età puberale,  il ruolo di spose  e poi di madri.

L’attività prevede visite guidate all’interno del Museo di Venosa, volte a stimolare la curiosità dei piccoli visitatori, che impareranno, divertendosi, tradizioni e culture di un tempo lontano e differente dal nostro.

Un percorso emozionale, che permetterà loro di conoscere meglio la Storia.

 

Durata: 3 ore

Turno unico ore 10.30

 

Melfi, Museo Archeologico Nazionale del Vulture-Melfese Massimo Pallottino.

Per questa giornata così speciale, il Museo organizza un pomeriggio particolare con l’intento di stimolare e sviluppare nei più piccoli l’interesse verso l’arte e il patrimonio culturale, attraverso esperienze che associno storia e divertimento.

È richiesta la collaborazione dei genitori come supporto durante lo svolgimento delle attività.

I genitori potranno accompagnare i loro figli, con il biglietto ordinario di ingresso al Museo di € 2.50.

L’ingresso al Museo e la partecipazione dei bambini alle Attività sono gratuiti.

Orari e Attività:

ore 16.00: visita guidata del museo

ore 17.00: caccia al tesoro nel castello

ore 18.30: laboratorio creativo.
 

Metaponto, Museo Archeologico Nazionale.

“La cultura abbatte i muri con Matì e Dadà”. I bambini saranno accolti al Museo con le loro famiglie per trascorre una giornata all’insegna della cultura e del divertimento.

 

Durata 1 ora

Turni: ore 9.00 – 13.00

 

Muro Lucano, Museo Archeologico Nazionale_Palazzo del Seminario.

Laboratori e visite guidate al Museo per i bambini e le loro famiglie.

Ingresso gratuito.

 

Durata: 1 ora

Turni : ore 10.30 – 12.30 / 16.30 – 20.30

 

 

 

Grumento Nova, Museo Archeologico Nazionale dell’Alta Valle dell’Agri.

Visite guidate al Museo per i bambini e le loro famiglie.