Per il presidente di Confesercenti di Matera, Francesco Lisurici, tra i pochi referenti di associazioni di categoria a metterci la faccia e a inforcare la bici (a pedalata assistita) per monitorare cosa non va e cosa si deve fare per migliorarle, la Quaresima … nel senso piento dell’andamento dell’economia dovrebbe passare con il Ponte Pasquale. C’è fiducia in alcuni provvedimenti venuti dall’Amministrazione comunale, come la doppia ordinanza ( la seconda correttiva della prima) emessa dall’assessore alla mobilità urbana Ernesto Bocchetta circa il transito e il parcheggio dei bus granturismo in particolare, l’annuncio di una nuova sperimentazione della zona a traffico limitato per i Sassi a partire dal 31 marzo ( per nulla pubblicizzata) e, aggiungiamo, un buon decoro urbano per accogliere i visitatori. La macchina organizzativa, naturalmente , funzionerà bene se l’occhio del padrone ”ingrasserà il cavallo” come ripete un antico detto materano e se si lavorerà con senso di responsabilità. E il presidente Lisurici fa bene a ricordare l’ordinanza del sindaco emessa un anno fa, ma che è rimasta pressocchè tale, per contrastare il fastidioso fenomeno di guide, accompagnatori e di una filiera di promoter che non mollano i turisti finchè non scelgono di farsi accompagnare al loro prezzo e con l’itinerario che vogliono loro. E’ un pessimo biglietto da visita che ci portiamo da sempre, tollerato da quella politica delle ”mani libere” del ” vivi e lascia vivere” per motivi di opportunità o clientelari (in alcuni casi) mai contrastata con decisione e i risultati parlano chiaro. Altrimenti Lisurici non avrebbe ”auspicato” il rispetto della ordinanza, Efficace e continua, invece, è la lotta all’ abusivismo commerciale nei confronti dei migranti. Il presidente di Confesercenti, che è un operatore economico, con senso di responsabilità si rivolge anche ai colleghi della filiera turistica affinchè si rispettino le regole, esponendo il listino dei prezzi ed evitando ritocchi dei prezzi. Il turista va rispettato, perchè se viene trattato bene, fa buona pubblicità altrimenti sono commenti negativi ( alcuni possono essere strumentali…) a cominciare dai social come accaduto in passato. Ci sono altre richieste, come la necessaria dotazione di bus per raggiungere i rioni Sassi e affinchè le auto non parcheggino dove capita. Parcheggi come quello di via Saragat restano, purtroppo, semivuoti per problemi di comunicazione o organizzativi. E per i più indisciplinati c’è la rimozione forzata, servizio attuato da alcuni mesi e che va senz’altro intensificato. E’ il minimo che Lisurici chiede perchè Pasqua sia di Resurrezione per gli operatori economici, dopo le vacche magre dei mesi scorsi. Del resto non poteva che essere così. Matera e Matera 2019 , per motivi di opportunità e di mancate scelte decisionali, non si è dotata di una programmazione nella gestione dell’offerta turistica. E i risultati sono venuti con il ”pallino” dei flussi finito inevitabilmente fuori regione, parte delle attività passate di mano ( e alcune non proprio pulite) e con l’aumento dell’indebitamento a causa dell’aumento di prezzi e costi. “Si raccoglie quello che si semina” ripete un vecchio detto. Per Pasqua un po’ di respiro e per il futuro si continuerà con gli appelli come quello di Francesco Lisurici o Leo Montemurro (Cna) o Franco Stella (Api)tra i pochi imprenditori a suonare la ” Sveglia!”, ma nella città del divano (ex ormai) si preferisce dormire. Per altri va bene così…Un altro anno e poi un saluto al 2019. Poi i conti e i reseconti. Forse.

LA NOTA DEL PRESIDENTE LISURICI

Confesercenti Matera, pur avendo registrato, un magrissimo e buio primo trimestre 2018, per le attività commerciali della città di Matera, nonostante il dato negativo che arriva da Confesercenti asso turismo Nazionale, che registra presenze sotto le attese, per le feste di Pasqua, in tutta Italia,
Guarda con positività l’avvio della nuova stagione, sperando anche in una buona continuazione dell’afflusso turistico in Città.
Innanzitutto accogliamo con soddisfazione la modifica applicata dal comune di Matera , per la Ztl nei rioni Sassi, a partire dal 31 Marzo 2018
Oltre all’ ordinanza, che vieta il transito e la sosta dei pullman turistici in Città .
Auspichiamo però, che l’amministrazione comunale abbia anche disposto un servizio di Bus Navetta, da e per i rioni Sassi, attivo per tutte le ore di ztl e oltre, per dare la possibilità, a chi è sceso nei Sassi con il bus Navetta, di poter raggiungere il piano della Città e i parcheggi, con lo stesso mezzo, e non sia costretto a farsi a piedi tutto il tratto di strada.
Auspichiamo, inoltre, che i turisti che arrivano in Città con le proprie auto, possano essere convogliati al parcheggio di Via Saragat( parcheggio attualmente sempre vuoto) e di li, poi , poter prendere il bus navetta che li accompagnerà nei sassi, oppure potranno raggiungere Piazza Vittorio Veneto, a piedi, passando per Piazza Della Visitazione e proseguire Via Don Manzoni e Via Ascanio Persio.
Chiediamo anche, all’amministrazione Comunale, di far rispettare , l’ordinanza del 29 Agosto 2017, che vieta e multa chi disturba i turisti e visitatori che arrivano in Città.
Approfittiamo per Ricordare, a tutti gli operatori del turismo, di tenere esposto e ben in vista , il listino prezzi, per evitare lamentele da parte dei turisti, e di adottare
Nei loro confronti, massima professionalità, capacità e accoglienza.
Sperando in un futuro migliore, porgo i migliori
Auguri di Buona Pasqua a tutti.

L’ORDINANZA ZTL NEI SASSI

ZTL nei Sassi, Comune di Matera modifica orari in via sperimentale dal 31 marzo 2018

EVIDENZA ISTITUZIONI PUBBLICA UTILITÀ

Testo relativo alla modifica parziale dell’ordinanza dirigenziale n. 394 del 10 ottobre 2017 della ZTL nei Rioni Sassi a partire dal 31 marzo 2018 in via sperimentale e fino all’adozione di un nuovo provvedimento.

Premesso che con O.D. n 394 del 10.10.2017 venivano attivati i varchi della ZTL Sassi (Varchi D’Addozio e B.Buozzi) tutti i giorni dalle ore 10:30 alle ore 13:00 e dalle ore 17:00 alle ore 20:00; Vista la nota prot. n. 22856/18 del 27.03.2018 dell’assessore al ramo, Ernesto Bocchetta e con la quale si rappresenta l’esigenza di rimodulare il funzionamento della ZTL dei Rioni Sassi in considerazione degli incrementi dei flussi turistici; Preso atto, in particolare, che nella medesima nota è stato prospettato di regolamentare l’attivazione dei varchi dei Rioni Sassi secondo le seguenti modalità:

Giorni feriali dalle ore 10:30 alle ore 13:00 e dalle ore 17:00 alle ore 21:00; Giorni prefestivi dalle ore 10:30 alle ore 24:00; Giorni festivi dalle ore 10:30 alle ore 21:00; Tanto al fine di ridurre i livelli di traffico nei giorni e nelle fasce orarie interessate da maggior afflusso pedonale e turistico.

Ritenuto pertanto, dare corso ad una modifica parziale della richiamata O.D. 394/2017 di interdizione del traffico veicolare nei Rioni Sassi in via sperimentale e fino all’ adozione di un nuovo provvedimento; Vista l’O.D. n. 394/17 del 10.10.2017 che disciplina la ZTL nei Rioni Sassi; Vista l’O.D. n. 284 del 22.07.2016 con la quale si istituivano le zone a traffico limitate e si disciplinava l’attivazione dei varchi di accesso alle medesime zone secondo il regime orario approvato con D.G.C. n. 152 del 05.05.2016; Visto il C.d.S. emanato con D.lgs. n. 285/92; Visto il regolamento di esecuzione ed attuazione del C.d.S. emanato con D.P.R. n. 495/92; Vista la nota Prot. n. 9148/15/PL del 25.11.2015 del Dirigente della Polizia Locale.

Ordina in via sperimentale e fino all’adozione di un nuovo provvedimento, la modifica parziale dell’O.D. 394/2017 della ZTL nei Rioni Sassi, a partire dal 31 marzo 2018, secondo le seguenti modalità:

Giorni feriali dalle ore 10:30 alle ore 13:00 e dalle ore 17:00 alle ore 21:00; Giorni prefestivi dalle ore 10:30 alle ore 24:00; Giorni festivi dalle ore 10:30 alle ore 21:00.

Per tutte le altre disposizioni inerenti le modalità di circolazione, la sosta ed i relativi titoli autorizzatori si rimanda a quanto già previsto dall’ordinanza dirigenziale n. 284 del 22.07.2016 e dal disciplinare vigente.

La presente ordinanza sarà trasmessa al R.U.P. del settore OO.PP. ai fini dell’installazione della relativa segnaletica.

Gli Operatori del Servizio di Polizia Locale nonché degli altri Organi di Polizia Stradale di cui all’art. 12 del Nuovo Codice della Strada sono incaricati della vigilanza per l’esatta osservanza della presente ordinanza.

A norma dell’art. 3, comma 4, della Legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni ed integrazioni si avverte che, avverso la presente ordinanza, in applicazione del Codice del processo amministrativo, chiunque vi abbia interesse potrà ricorrere per incompetenza, per eccesso di potere o per violazione di legge, entro 60 giorni dalla pubblicazione e/o dalla notificazione, al Tribunale amministrativo Regionale della Basilicata. La presente ordinanza è valida ai soli fini della circolazione veicolare ed entrerà in vigore previa apposizione della segnaletica stradale nei termini previsti dal D.lgs. 285/92 e dal D.P.R. 495/92. Questa Amministrazione declina ogni responsabilità civile e penale per danni causati a persone o cose che potrebbero derivare dall’inosservanza della presente ordinanza.

Il funzionario responsabile di P.O. Bruno D’Amelio