LA FEDERAZIONE NAZIONALE DELLA CISL FUNZIONE PUBBLICA HA AVVIATO UNA CAMPAGNA DI RACCOLTA FIRME ON-LINE A SOSTEGNO DI UNA INIZIATIVA IN FAVORE DEI DIPENDENTI PUBBLICI, PER I QUALI LA LEGGE PREVEDE PER L’EROGAZIONE DEL TFR/TFS TEMPI DI ATTESA CHE POSSONO ARRIVARE AD UN MASSIMO DI OLTRE DUE ANNI, UNA SITUAZIONE INACCETTABILE, AD AFFERMARLO E’ IL SEGRETARIO GENERALE- DELLA CISL-FP DI BASILICATA GIUSEPPE BOLLETTINO, RISPETTO AI TEMPI DI ATTESA PREVISTI PER I LAVORATORI PRIVATI.

PER EVITARE IL CONTINUARE DEL PERPETRARSI DI QUESTA GRAVE INGIUSTIZIA TRA SETTORE PUBBLICO E PRIVATO E’ STATA LANCIATA UNA PETIZIONE CON LA RACCOLTA DI FIRME ON LINE SUL SITO DELLA CISL.

L’INIZIATIVA PREVEDE ANCHE LA PRESENTAZIONE DI CINQUE CAUSE PILOTA PRESSO I TRIBUNALI DI MILANO, ROMA, ANCONA, TORINO E GENOVA PER OTTENERE SULLA MATERIA UN PRONUNICAMENTO DELLA CORTE COSTITUZIONALE SULLA INIQUA AD OGGI, NORMATIVA CHE DISCIPLINA I TEMPI DI EROGAZIONE DEL TFS/TFR.

L’INVITO E’ A SOSTENERE L’INIZIATIVA E A SOTTOSCRIVERE LA PETIZIONE GIA’ SOTTOSCRITTA IN SOLO QUATTRO GIORNI DA BEN QUINDICIMILA LAVORATORI, PER POTERLO FARE CONCLUDE IL SEGRETARIO BOLLETTINO OCCORRE ANDARE SUL SITO  www.fp.cisl.it, OPPURE SULLA PIATTAFORMA INTERNAZIONALE  WWW. CHANGE. ORG./P/PRESIDENTE-DEL CONSIGLIO-DEI MINISTRI-EQUIPARARE-I TEMPI-DI –EROGAZIONE-DEL –TFR-TRA SETTORE –PUBBLICO-E-PRIVATO.