Il parcheggio  nelle strisce blu oramai diventato un miraggio per l’automobilista materano in talune fasce orarie della giornata, costretto spesso ad una lunga via Crucis e alla speranza nel fattore C, vede il contratto con la SISAS in scadenza.  Ciò significa incertezza e problematiche sul fronte dei lavoratori occupati.

Per questo Marcella Conese della FILCAMS-CGIL e Filippo Viggiano della UILTUCS UIL hanno inviato la lettera che pubblichiamo a seguire al Sindaco De Ruggieri e all’assessore al ramo Ernesto Bocchetta per chiedere lumi sullo stato dell’arte e sulle intenzioni dell’amministrazione cittadina.

 

Al Sindaco di Matera
Raffaello De Ruggieri

All’Assessore alla mobilità
Ernesto Bocchetta

Agli organi di stampa
Matera, 7 febbraio 2018

Egr. Sindaco,
Egr. Assessore,

le scriventi Organizzazioni Sindacali, insieme ai parcheggiatori SISAS, sono in attesa di una riconvocazione, per aggiornare l’incontro che si è tenuto nel mese di dicembre a proposito della situazione relativa al nuovo bando dei parcheggi a pagamento.
E’ noto che il contratto in essere con la SISAS scade all’inizio del mese di marzo e che la 6° Commissione Consiliare ha deliberato già da alcune settimane i criteri per la redazione del nuovo bando.
È urgente che il Consiglio Comunale approvi i suddetti criteri, anche se ormai è impossibile che si giunga alla nuova aggiudicazione prima della scadenza del contratto in essere.
Quali sono le intenzioni dell’Amministrazione, tenuto conto che fra poche settimane scadrà il contratto con la SISAS?
Si opterà per una proroga del contratto in essere, riproducendo un copione già noto?
È urgente affrontare la problematica sia per evitare che vi siano periodi di vacanza del servizio, sia per risolvere la questione degli esuberi, che è stata transitoriamente gestita attraverso un sacrificio economico dei lavoratori.

Pertanto, le scriventi chiedono la riconvocazione  urgente delle parti, diversamente annunciano che nei prossimi giorni saranno messe in campo tutte le azioni possibili per scongiurare i licenziamenti, incluso lo sciopero.

p.FILCAMS CGIL

– Marcella Conese –

p. UILTUCS UIL

– Filippo Viggiano –