Tre centesimi di qua , qualche euro di là e i costi per acquisire certificati e documenti lievitano a carico di cittadini e di operatori della giustizia. Lo prevede il decreto dirigenziale del 4 luglio 2018, che pubblichiamo di seguito. L’adeguamento della misura degli importi è stato effettuato sulla base della variazione dell’indice ISTAT dell’andamento dei prezzi al consumo registrata nel triennio 1° luglio 2011 – 30 giugno 2014.

I costi aumentano, con l’auspicio che gli introiti possano in qualche modo contribuire a migliorare l’amministrazione della giustizia che necessita di adeguamento degli organici e di servizi adeguati. Il resto dovrà farlo, come si chiede da qualche lustro il legislatore mettendo mando a riforme oculate e concrete. E questo è un altro auspicio, dopo gli aumenti su diritto di copia e di certificato, per la notte di San Lorenzo.

Decreto 4 luglio 2018 – Adeguamento degli importi del diritto di copia e di certificato, ai sensi dell’articolo 274 del d.p.r. n. 115/2002

4 luglio 2018

(pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 172 del 26 luglio 2018 – serie generale)

Il CAPO DEL DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI DI GIUSTIZA
Ministero della Giustizia

di concerto con

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO
Ministero dell’Economia e delle Finanze

Visto l’art. 274 del Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, a norma del quale «la misura degli importi del diritto di copia e del diritto di certificato e’ adeguata ogni tre anni, in relazione alla variazione, accertata dall’ISTAT, dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati verificatasi nel triennio precedente, con decreto dirigenziale del Ministero della giustizia, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze»;
Visti gli articoli 267, 268 e 269 del medesimo decreto del Presidente della Repubblica n. 115/2012, che disciplinano, rispettivamente, gli importi del diritto di copia senza certificazione di conformita’, del diritto di copia autentica e del diritto di copia su supporto diverso da quello cartaceo, nonche’ l’art. 273 dello stesso decreto, che disciplina il diritto di certificato;
Visti gli importi previsti per il diritto di copia dalle tabelle contenute negli allegati n. 6, 7 e 8 al citato Testo unico, nonche’ l’importo previsto per il diritto di certificato dalle lettere a) e b) dell’art. 273 del medesimo decreto;
Viste le disposizioni introdotte con l’art. 4, commi 4 e 5, del decreto-legge 29 dicembre 2009, n. 193, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 febbraio 2010, n. 24;
Ritenuto che l’adeguamento della misura degli importi del diritto di copia e del diritto di certificato vada effettuato tenendo conto degli importi attualmente vigenti, adeguati con decreto ministeriale in data 7 maggio 2015, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – Serie generale – n. 149 del 30 giugno 2015, sulla base della variazione dell’indice ISTAT dell’andamento dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati registrata nel triennio 1° luglio 2011 – 30 giugno 2014;
Ritenuto di dover adeguare la misura degli importi previsti per il diritto di copia e per il diritto di certificato sulla base della variazione del citato indice ISTAT registrata nel triennio 1° luglio 2014 – 30 giugno 2017;
Rilevato che, nel triennio considerato, l’Istituto nazionale di statistica ha rilevato una variazione in aumento dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati pari allo 0,8%;

Decreta:

Art. 1
Diritto di certificato

L’importo del diritto di certificato previsto dalle lettere a) e b) dell’art. 273 del Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, e’ aggiornato ad € 3,87.

Art. 2
Diritto di copia

Gli importi del diritto di copia indicati nelle tabelle contenute negli allegati n. 6, 7 e 8, al Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, sono aggiornati come di seguito indicato:

Allegato n .6
(articolo 267)

Diritto di copia senza certificazione di conformità

 

Numero pagine

 

Diritto di copia forfettizzato

1-4

€ 0,97

5-10

€ 1,94

11-20

€ 3,87

21-50

€ 7,75

51-100

€ 15,50

oltre le 100

€ 15,38 più € 6,46 ogni ulteriori 100 pagine o frazione di 100

Allegato n. 7
(articolo 268)

Diritto di copia autentica

 

Numero di pagine

 

Diritto di copia forfettizzato

 

Diritto di certificazione
di conformità

 

Totale delle colonne 2 e 3

1-4

€ 1,29

€ 6,46

€ 7,75

5-10

€ 2,59

€ 6,46

€ 9,05

11-20

€ 3,87

€ 6,46

€ 10,33

21-50

€ 6,46

€ 6,46

€ 12,92

51-100

€ 12,92

€ 6,46

€ 19,38

oltre le 100

€ 12,92 più € 7,75 ogni ulteriori 100 pagine
o frazione di 100

€ 6,46

€ 19,38 più € 7,75 ogni ulteriori 100 pagine
o frazione di 100

Allegato n. 8
(articolo 269)

Diritto di copia
su supporto diverso da quello cartaceo

 

Tipo di supporto

 

Diritto di copia forfettizzato

Per ogni cassetta fonografica di 60 minuti o di durata inferiore

€ 3,87

Per ogni cassetta fonografica di 90 minuti

€ 5,81

Per ogni cassetta videofonografica di 120 minuti o di durata inferiore

€ 6,46

Per ogni cassetta videofonografica di 180 minuti

€ 7,75

Per ogni cassetta videofonografica di 240 minuti

€ 9,70

Per ogni dischetto informatico da 1,44 MB

€ 4,54

per ogni compact disc

€ 323,04

Il presente decreto verrà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 4 luglio 2018

Il Capo dipartimento per gli affari di giustizia
del Ministero della giustizia
Piccirillo

Il Ragioniere generale dello Stato
del Ministero dell’economia e delle finanze
Franco