Una sede per le attività sociali, di aggregazione, e per trasmettere ai giovani quelle esperienze di saperi che tornebbero ”buone” per promuovere la cultura di impresa…nella capitale europea della cultura 2019. A chiederla, con insistenza, all’Amministrazione comunale di Matera, è il presidente della Cna pensionati di Basilicata,Angelo Buono.

Un ”vulcano” di energia da almeno 1000 ampères…, come le batterie che ha attivato per anni nella sua officina di elettrauto, eredità raccolta con un rinnovato know how tecnologico da suo figlio Gianni. E l’occasione per tornare sull’argomento della sede, delle attività sociali e dei servizi che è possibile avviare, è stata offerta dai lavori dal convegno ” Le politiche sociali regionali e comunali per gli anziani”.

Un confronto a più voci che ha visto la partecipazione di Caterina Rotondaro dell’Ufficio Politiche Sociali del Comune di Matera , di Tina Iacovuzzi Presidente della Cooperativa Sociale Lilith a r.l., del sindaco di Gorgoglione Giuseppe Filippo in rappresentanza dell’ANCI Basilicata e -a conclusione- della segretaria nazionale della Cna Pensionati Beatrice Tragni. ” Noi – commenta il presidente di Cna pensionati Basilicata, Angelo Buono- abbiamo dato tanto alla comunità locale nel settore dell’artigianato e vogliamo continuare a farlo nel settore sociale, dando una risposta concreta a quella domanda di aggregazione generazionale e intergenerazionale che viene dagli iscritti e dalle loro famiglie. Ecco perchè chiediamo con insistenza che il Comune ci metta a disposizione una sede e dia una risposta alla nostra richiesta.

Paradossalmente- aggiunge- facciamo i nonni baby sitter, ma a noi chi pensa?”. Il commento, a metà tra il sarcastico e il serioso, non fa una grinza in relazione a quanto fatto finora dal presidente Angelo Buono per gli oltre 900 iscritti della Basilicata, la metà dei quali donne. Un elenco di cose fatte e in programma quanto a servizi, attività di animazione e di assistenza come la fruizione, a prezzi agevolati, di prestazioni per cure termali in località di fuori regione.

Un programma, quello di Cna Basilicata, che ha aperto e con successo al turismo sociale, quello per ”tardoadulti” come vuole un moderno neologismo che definisce gli anziani, con un sportello di supporto organizzativo e logistico presso la sede della Confederazione.

”E’ una opportunità dice il presidente di Cna, Leonardo Montemurro- che utilizza la rete di 104 nostre sedi di 20 regioni per muoversi ovunque e fruire dei servizi richiesti. Abbiamo dato già la nostra disponibilità alle comitive, interessate a venire a Matera e in Basilicata, che dall’ 8 al 18 giugno saranno in Calabria per la festa nazionale”. Turismo sociale…e se ci fosse quella sede fisica richiesta dal presidente dei pensionati, Angelo Buono, sarebbe un’altra musica…nel senso pieno del termine.

Perché musica e ballo mettono allegria. Il presidente di Cna Matera, Giovanni Coretti, annuisce e sostiene la richiesta. I padri dell’artigianato locale meritano attenzione e risposte concrete.

A cominciare dal sindaco, che ha l’età o giù di lì,

dei tanti iscritti alla Cna pensionati.