Quando si incontrano persone innamorate delle piccole cose, che siano sapori, scritti, strade e buoni sentimenti per la memoria dei luoghi e per la semplicità (quante S) della gente, e allora nascono progetti destinati a contaminare altre realtà della ”piccola” ma grande Italia. E il Premio letterario ”Il Borgo Italiano” 2018 di Irsina ( Matera), giunto alla seconda edizione è tra questi. Ne abbiamo avuto conferma nel corso della conferenza stampa di presentazione della manifestazione, durante un pomeriggio segnato da un accavallarsi di eventi, ma quello Irsinese aveva ed ha un aroma im più- quello delle cose semplici, fatte con passione e con i tempi giusti- tutte da scoprire e da gustare. E veniamo a qualche dato, cominciando dal premio che è passato dai 64 autori del 2017 agli 89 di quest’anno e con una giuria al 99 per cento composta da donne (l’unico uomo è il fotografo Matteo Deiana) e presieduta dalla scrittrice Dora Albanese. Sei le sezoni come da regolamento e tre i libri che presenteranno autori provenienti, manco a dirlo, da piccole realtà. E Irsina è l’emblema dei borghi che hanno una precisa identità e una storia da tramandare, tanto da meritarsi la consegna della bandiera come accadrà sabato prossimo, con i primi cittadini di due centri lucani e di uno siciliano che presiede l’associazione nazionale. Per tutti, comunque, un fine settimana indimenticabile- come leggerete nel comunicato ufficiale- e con la possibiltà di gustare prodotti e sapori di un tempo, genuini, con il pane e la pasta preparati con grano del senatore Cappelli, formaggi, legumi, finanche il liquore del farmacista, pistacchio, zafferano e altro ancora. E a proposito di degustazioni lo chef Mario ”Nugent” Tarantino è tra quelli che crede e investe nella cultura gastronomica del territorio. E così cultori del gusto e delle cose buone potranno deliziarsi con un primo di pasta di grano senatore Cappelli,condita con gli aromi del luogo. Quali? Non c’è che un modo per saperlo . A Irsina, sindaco in testa, vi attendono per un premio che ha nell’anima dei borghi il suo ammiccante biglietto da visita…E l’anno prossimo sono attese novità.

Comunicato stampa – Irsina 16/07/2018

Due giorni di eventi letterari e degustativi con i borghi del Premio Letterario il Borgo Italiano 2018

Martedì 17 luglio alle ore 16.30 si terrà presso la Sala Fodale della biblioteca provinciale Tommaso Stigliani di Matera, la conferenza stampa per l’avvio degli eventi legati al Premio Letterario il Borgo Italiano 2018. Partecipano il Presidente del Premio David Spezia, Il Sindaco di Irsina Nicola Massimo Morea, Francesco Linzalone di Slow Food Matera, Anna Maria Amenta Assessore alla cultura del comune di Irsina e consigliere delegato alla cultura della provincia di Matera.

Il Premio ha confermato Irsina quale borgo ospitante della nuova edizione che vedrà la cerimonia di premiazione dei vincitori presso l’ex Convento di San Francesco il 21 luglio dalle ore 20.30.

Quest’anno il Premio ha previsto due giornate di eventi culturali e gastronomici nel borgo lucano.

Si inizia il 20 luglio alle ore 9.30 con un contest fotografico dal titolo “Scatta il Borgo!” tenuto dal fotografo Matteo Deiana. A seguire, alle ore 17.30, mostra fotografica “Sardegna in murales” sempre di Matteo Deiana. Alle 18.30, grazie all’accordo tra il Premio e Slow Food Matera, ci sarà l’inaugurazione del percorso degustativo “Slow food nel borgo” organizzato nel borgo antico di Irsina. Il “percorso” è la vera novità dell’edizione 2018 del Premio Letterario il Borgo Italiano: tre postazioni predisposte tra le mura antiche, presentano tre menù locali con prodotti di Slow Food Matera. Produttori e ristoratori insieme esibiscono i prodotti e i menù appositamente creati per l’evento. Inaugurazione alle ore 18.30 sulla terrazza belvedere, dove sarà possibile scegliere il tipo di percorso di degustazione che sarà aperto per i due giorni di eventi dalle ore 20.00 alle ore 24.00. Alle 19.30 Mirto Campi, sindaco scrittore del borgo di Fiumalbo, presenta il suo libro “Come fosse ieri. Emozioni e visioni dal Frignano” edito da Overture.

Altra giornata ricca di eventi quella del 21 luglio. Alle ore 17.00 Simona Vassetti presenta l’opera “Ti ricorderai di me” edito da Homo Scrivens. Poi è la volta della scrittrice e giornalista di RAI1 Dora Albanese con “La scordanza” edito da Mondadori alle ore 18.30.

Alle 20.30 si darà inizio alla cerimonia di premiazione del Premio Letterario il Borgo Italiano. Durante la serata verranno premiati i vincitori delle sei sezioni in gara: Romanzo Inedito, Romanzo Edito, Racconto Inedito, Poesia, Fotografia, Video. Gradito ospite sarà il Presidente dell’associazione “I borghi più belli d’Italia” che consegnerà il riconoscimento alle autorità del Comune di Irsina come Borgo più bello d’Italia.

A chiusura dei due ricchi giorni, si terrà un concerto del coro polifonico Candela di Irsina.

Nonostante il Premio Letterario il Borgo Italiano, ideato da David Spezia, sia solo alla sua seconda edizione, punta a essere il primo premio per la letteratura locale legata ai borghi italiani. Quest’anno sono stati 89 gli autori partecipanti di 17 regioni differenti, dove ciascuno ha rappresentato il proprio borgo. Attraverso un’attenta fase di selezione, si è voluto far partecipare solo le opere realmente meritevoli, diffondendo, per tutta la durata del concorso, articoli legati ai borghi partecipanti, attraverso i canali social e tramite il sito del Premio stesso.

“Promuovere e divulgare la letteratura italiana che fa riferimento ai piccoli centri italiani definiti comunemente “borghi”. Far conoscere gli autori e il loro territorio, creando un ponte tra le realtà locali” rimane l’obiettivo del Premio Letterario il Borgo Italiano per tutte le edizioni future.

Informazioni

info@premioilborgoitaliano.it – www.premioilborgoitaliano.it