Lavori conclusi o quasi in centro ed è un bel vedere con la nuova massicciata, che ha recuperato gran parte delle vecchie chianche, i servizi adeguati e i marciapiede rimossi che hanno ampliato la superficie calpestabile. Merito dell’impresa Edil Co, che ha portato avanti i lavori, degli amministratori e tecnici comunali che hanno monitorato con continuità i cantieri, superando problemi di varia natura. Complimenti. Ma ora si guarda al presente e al futuro. Sicurezza prima di tutto e i grigi blocchi di cemento ci stanno, eccome a ridosso di via Ridola, in via Rocco Scotellaro e nel tratto finale di via del Corso. Il cantiere, in centro,a Matera, e parliamo di piazza san Francesco d’Assisi c’è ancora. E poi arriva Capodanno e meglio non correre rischi, come accade in altre zone del Bel Paese. “Dopo Natale -ha detto l’assessore ai lavori pubblici, Michele Casino” faremo una riflessione seria con sindaco e giunta per la fruizione e l’utilizzo di questi spazi. Ma ora -ha precisato -non voglio allarmare nessuno. Nei prossimi giorni penseremo al futuro, a come sarà fruita quest’area”. Attendiamo le riflessioni. Ma una svolta, a nostro parere, ci vuole accrescendo l’area pedonale. Transito per i mezzi di soccorso, ai fornitori nelle ore stabilite e alle altre utenze. Adesso è un pericoloso andirvieni di mezzi, di varia dimensione e inquinamento, anche a velocità sostenuta, e con i turisti costretti a scansare i patiti del volante, che considerano -spesso- l’asse via delle Beccherie -via e piazza Duomo come terra di nessuno. Sì, ci sono ancora i cantieri. Ne riparliamo alla loro chiusura.. Per ora Buon Natale e Buon Anno.