Lunedì 16 aprile 2018 – con inizio alle ore 9,00- in Casa Cava a Matera si terrà il convegno
SUD chiama NORD: Cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone pratiche
promosso dall’ANCeSCAO (Associazione Nazionale Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti).

Trattasi di una Associazione senza fini di lucro , di utilità e solidarietà sociale il cui obiettivo prioritario è quello di aiutare gli anziani a vincere la solitudine e l’emarginazione proprie della vecchiaia, causa dell’acceleramento e del decadimento psicofisico delle persone non più giovani, migliorando così la loro qualità di vita.

Ad essa aderiscono circa 1.500 Centri Sociali e Culturali per Anziani dislocati in tutte le zone del Paese con quasi 400.000 iscritti.

Con le sue iniziative tende a migliorare i servizi sul territorio destinati a questa fascia debole della società e a tal fine si spende per la formalizzazione di intese con le istituzioni pubbliche (Regioni, Provincie, Comuni) con cui si concorda l’avvio di collaborazioni da sviluppare su vari filoni di attività come ad esempio il progetto “MEMORIA e FUTURO” istituita tra il Comune di Parma e una rete di Associazioni di Anziani del territorio.

Ed è proprio guardando a quest’ultima esperienza che il Coordinamento Lucano di ANCeSCAO, congiuntamente al Coordinamento Provinciale di Parma, ha organizzato questo convegno  per avviare uno scambio di “buone pratiche” e auspicare la sperimentazione di una cooperazione attiva tra il Comune di Parma e Comune di Matera.

L’obiettivo è quello di realizzare anche nella Città dei Sassi (dove già diversa associazioni sono affiliate all’ANCeSCAO) iniziative che possano alleviare la solitudine, dare serenità alle persone deboli e fragile e migliorare appunto la loro qualità di vita, partendo dalla creazione di una rete tra le tante Associazioni presenti sul territorio Materano, imitando la positiva esperienza parmense.

Il convegno sarà l’occasione -afferma Vito Auletta, componente materano dell’esecutivo nazionale dell’ANCeSCAO e referente per la Basilicata-  per lanciare l’idea di creare anche a Matera un servizio di mobilità solidale per garantire alle persone Anziane e ai più bisognosi la possibilità di spostarsi agevolmente sul proprio territorio grazie ai tanti volontari impegnati nel sociale. Ovviamente, il tutto sarà possibile avendo a disposizione della rete associativa un mezzo di mobilità che chiederemo ai vari Enti, Istituzioni o Fondazione di metterci a disposizione.”

Il convegno  -nelle intenzioni degli organizzatori- vuole essere un’occasione di discussione e di approfondimento – tra i vari attori interessati – del tema della condizione degli anziani .