Con il vento fra i capelli e il sole che sorride a un gruppo di ragazzi che si sono guadagnati sul campo il titolo di ‘’ guardiani della costa’’. E’ l’immagine fiera degli studenti dell’Istituto superiore Isabella Morra di Matera che a Nova Siri, bandiera blu della sostenibilità 2018, hanno dimostrato di essere all’altezza di un progetto che li ha visti impegnati sull’arenile e poi in Municipio, con gli amministratori locali per far garrire il vessillo della tutela ambientale e dell’amore e rispetto dei luoghi. Proprio come vuole il progetto di Citizen Science “Guardiani della Costa”, per tutelare il litorale italiano. Una iniziativa, promossa da “Costa Crociere Foundation” e rivolto a studenti e docenti delle classi terze, quarte e quinte degli istituti secondari di secondo grado. Da qui I’obiettivo di sensibilizzare, con l’adozione di tratti di costa, i cittadini e in particolare studenti e giovani sulla necessità di salvaguardare il patrimonio naturalistico delle nostre coste. Un patrimonio a rischio per la precarietà delle norme, che favoriscono l’abusivismo edilizio e l’inquinamento con accumulo di plastiche( il tema del 2018) e rifiuti. E così i ragazzi della III, IV e V A Biotecnologie Ambientali dell’Istituto d’Istruzione superiore “I.Morra” di Matera, diretto dal preside Antonio Epifania, hanno adottato a Nova Siri un tratto di litorale in località Macchia di Riso. Le adozioni…hanno bisogno di una supervisione, di docenti-tutor per tutte le fasi del progetto. Le professoresse Mihaela Totu, Mariangela Lisanti e Luigia Gigliobianco hanno seguito con partecipazione le diverse fasi del progetto. I ragazzi,infatti, dopo un percorso formativo on-line e in aula in tre unità didattiche, hanno effettuato rilevamenti e monitoraggi sul campo, producendo dati e immagini fotografiche su tre aree di interesse: ambiente marino mediterraneo, biodiversità e tutela della costa e del mare; cambiamento climatico, specie aliene, impatti del clima sull’ambiente marino; inquinamento e rifiuti in mare, uso dell’ambiente marino costiero da parte dell’uomo, iniziative tecnologiche per la riduzione dei rifiuti.Un percorso da concludere con un evento finale. Le classi, lo scorso venerdì 11 maggio, accompagnate dalle tutor e dai docenti Anna Altieri e Giuseppe Coretti, hanno presentato il progetto al sindaco di Nova Siri Eugenio Lucio Stigliano, al vicesindaco e assessore all’Ambiente Filomena Bucello e all’assessore al Bilancio Piermario Antonio Pancaro. Ed è stato il primo cittadino a esprimere soddisfazione per il rapporto avviato con la scuola e per l’interesse mostrato dai ragazzi su un tema di stretta attualità, come la tutela ambientale. “Siamo felici – ha detto il sindaco Eugenio Lucio Stigliano – quando le scolaresche vengono a trovarci e questo alimenta lo scambio di esperienze, della conoscenza e del rapporto, che sono alla base dell’arricchimento personale di ognuno”. Tanto interesse ha destato nei ragazzi l’assegnazione della “Bandiera Blu” al mare di Nova Siri. “ Non è stato facile ottenerla– ha detto l’assessore Pancaro – perché i parametri da rispettare sono davvero rigidi, alcuni di loro fondamentali, quali la raccolta differenziata e l’allacciamento della rete fondiaria ad un depuratore. Altrettanto importanti sono l’afflusso turistico in rapporto con i posti letto. Abbiamo dovuto preparare un dossier, che ci ha portato poi a questa grande soddisfazione e questo ci sprona a fare di più per confermare la bandiera blu anche per il futuro”. Il vicesindaco Bucello ha evidenziato l’importanza del percorso di alternanza scuola-lavoro, in cui il progetto “Guardiani della Costa” rientra. “Quando l’alternanza – ha detto il vicesindaco – viene fatta in modo adeguato, porta arricchimento nei ragazzi. Le scuole di Nova Siri stanno portando avanti progetti interessanti e noi siamo felici di offrire collaborazione e disponibilità, come abbiamo fatto con il vostro istituto”. E Nova Siri ha aperto un porto di amicizia e di collaborazione con gli studenti, guardiani della costa, da inserire nel dossier per la bandiera blu 2019.