L’analisi dei dati epidemiologici sull’incidenza dei tumori asbesto correlati nel territorio lucano, presentata dal dottor Lobuono per quanto riguarda i lavoratori ex esposti all’amianto e dal dottor Di Ciaula per quanto riguarda l’incidenza nei bambini da 0 a 14 anni, sono stati il fulcro della due giorni di studio organizzata e promossa a Matera, nello scorso fine settimana, dall’ Associazione italiana esposti amianto – sezione della Val Basento (Aiea Vba) e da “Medicina democratica Basilicata.

L’incontro su “Patologie asbesto correlate, prevenzione e ricerca – Giustizia per le vittime e per gli ex esposti” ha registrato la partecipazione di un numeroso pubblico attento alle relazioni di medici e giuristi giunti da tutta Italia.

Occorre riaffermare con forza l’importanza della sorveglianza sanitaria – ha spiegato Mario Murgia dell’Aiea Vba – perché salva la vita delle persone ed evidenzia che è possibile una diagnosi precoce del carcinoma del polmone: si può operare con interventi non invasivi ed evitare trattamenti chemio terapici. L’indice di sopravvivenza attuale è di oltre 11 anni. 

I dati dei tumori maligni e quelli delle malattie professionali a confronto con i dati nazionali, mettono in evidenza che la regione Basilicata ha il più alto incremento percentuale di tali patologie. Occorre effettuare: studi epidemiologici di settore, tra gli ex lavoratori di aree industriali, e di area. Dobbiamo studiare e capire i motivi di questi allarmanti incrementi. Il convegno mette in evidenza anche quali sono le responsabilità civili e penali, delle governance territoriali, rispetto alla salute dei cittadini minata dall’ambiente inquinato“.

 Ambiente inquinato che, come ha illustrato il referente regionale della Puglia dell’associazione Medici per l’ambiente Isde (International Society of Doctors for the Environment), il dottor Agostino Di Ciaula, porta ad avere un’incidenza preoccupante dei tumori, nei bambini: “Fra il 2007 e il 2011– ha affermato – in soli 5 anni ben 204 bambini lucani (di età fra 0 e 14 anni ) hanno sviluppato un tumore maligno: in media ogni anno vengono ricoverati per tumore 40 bambini lucani”.

Per il sottosegretario alla Sanità Vito De Filippo, intervenuto nella prima giornata del convegno, è necessario “muoversi nel solco del Piano nazionale amianto, da affiancare a puntuali piani sanitari di sorveglianza e attività di ricerca sulle patologie asbesto correlate”, mentre il viceministro dell’Interno Filippo Bubbico ha assunto l’impegno ad ottenere un incontro con il ministro del Lavoro Poletti in merito allo atto di indirizzo ministeriale per lo stabilimento di Pisticci ex Anic – Enichem. Il viceministro Bubbico si è impegnato a valutare un disegno di legge (pacchetto welfare) – elaborato dalla Aiea Vba – che tende a rendere finalmente giustizia alle vittime dell’amianto e soprattutto alle loro vedove, finora escluse da ogni forma risarcitoria. Così come interverrà per fare chiarezza sulla prescrizione del riconoscimento della “rendita superstite” che l’Inail puntualmente rigetta.

Il convegno si è chiuso con la premiazione dei vincitori del concorso “Dialoghi di amianto, storie di lavoro e di morte”, riservato agli alunni delle scuole medie superiori della provincia di Matera che dovevano presentare elaborati sulla “acquisita consapevolezza dei danni arrecati al Territorio regionale dalle sostanze tossiche, nocive e cancerogene come le fibre killer dell’amianto”.  Quattro i vincitori designati dalla giuria presieduta dal giornalista Pasquale Doria.

A Mara Venezia, alunna del liceo Classico “Duni” di Matera, è andato il primo premio, consegnatole dal viceprefetto Alberico Gentile, per il suo lavoro fotografico: “Le colpe dei padri per una nuova tragedia”. Tre scatti in cui ha voluto raccontare la difficoltà delle nuove generazioni a prendere provvedimenti e a risanare i luoghi contaminati dall’amianto che “i padri” hanno lasciato in eredità.

Il secondo premio è stato attribuito ad un giovane alunno di nazionalità somala che frequenta i corsi dell’istituto Tecnico “Loperfido – Olivetti” alla Casa Circondariale di Matera. In un elaborato ha evidenziato la presa di coscienza dei danni provocati dall’amianto e del poco rispetto che c’è stato del diritto alla vita sancito dalla nostra Carta costituzionale.

Il tema del diritto alla vita e a un lavoro che non porti alla morte, è il fulcro del componimento che si è aggiudicato il terzo premio. Autore, un alunno di 58 anni che frequenta i corsi dell’istituto Tecnico “Loperfido– Olivetti” alla Casa Circondariale di Matera, che ha comunicato, tramite uno dei docenti che sono intervenuti alla premiazione, la volontà di devolvere la cifra del premio ad un’associazione che si occupa di disabilità.

I due alunni della Casa Circondariale non hanno potuto prendere parte alla cerimonia di premiazione. Per dare il giusto riconoscimento all’impegno dei due partecipanti al concorso, il viceministro dell’Interno Filippo Bubbico e il Prefetto di Matera Luigi Pizzi si sono dichiarati disponibili a raggiungere i due alunni, alla Casa Circondariale di Matera, per congratularsi con loro e consegnargli i premi.

Il quarto premio, un ex aequo con il terzo vincitore, è stato riconosciuto a Sabrina Todisco, alunna del corso serale dell’istituto Tecnico “Olivetti – Loperfido”, che ha narrato nel suo scritto la morte per cancro del padre ex dipendente dello stabilimento ex Anic – Enichem.

 

A SEGUIRE I DATI SULLE MALATTIE PROFESSIONALI E DEI DECESSI REGISTRATI DA AIEA VBA AL 31 MARZO 2014.

Casi registrati da AIEA VBA per patologie oncologiche e non n.366
Casi registrati (dipendenti) per patologie maligne con decesso n.183
Casi registrati (familiari) per patologie maligne con decesso n.2

PATOLOGIE NOSOLOGICAMENTE DEFINITE:

MESOTELIOMA MALIGNO (ex anic/enichem) casi n.7 decessi n.4
CARCINOMA POLMONARE (ex anic / enichem) casi 53 decessi 36
Altre ditte: casi 6 decessi 3
ASBESTOSI ( ex anic/ enichem) casi 5 decessi 0
Altre ditte casi 1 decessi 0
PLACCHE PLEURICHE (ex anic / enichem ) casi n.53 decessi 0
Altre ditte casi 3 decessi 0
LEUCEMIE ( ex anic / enichem ) casi n.9 decessi 2
Altre ditte casi 1 decessi 0
CARCINOMA APPARATO UROGENITALE (ex anic / enichem ) casi n.14 decessi 2
Altre ditte casi 1 decessi 0
CARCINOMA GASTROINTESTINALE (ex anic / enichem ) casi n.23 decessi 18
Altre ditte casi 0 decessi 0