E’ un primo passo quello avviato dall’assessore del Comune di Matera “alla tutela degli animali”, Antonella Prete, che ha incontrato le associazioni animaliste su questioni sanitarie e di decoro urbano.

Ci sono norme e regole di convivenza civile da attuare e rispettare, facendo appello al senso di responsabilità di ognuno. Informazione in primis, ma sopratutto vigilanza (finora inesistente) per evitare che furbi e maleducati finiscano con l’esasperare le regole del vivere civile.

Le periodiche gazzarre serali in centro tra cani di grossa taglia, ma senza museruola, a malapena tenuti a freno dai proprietari, quando incrociano animali di piccola taglia, costituiscono un pericolo reale per fasce sociali a rischio come bambini, anziani, cardiopatici e donne in gravidanza.

E la stessa vigilanza è richiesta nei parchi laddove non sempre le aree di sguinzagliamento vengono utilizzate appieno, con animali che scorazzano in libertà verso le aree giochi. Va tutelata la sicurezza dei piccoli. Purtroppo nessuno controlla e interviene affinchè ci sia il giusto equilibrio tra presenze di animali e persone. Altro discorso sono le deiezioni canine.

Nelle villa comunale, e non solo li, campeggiano i cartelli su divieti e sanzioni. Ma chi si occupa del rispetto di quelle norme? Risposta scontata, che dura da troppi anni… Dovrebbe toccare, buon senso a parte, a Polizia Municipale e ai volontari.

Attendiamo risposte. All’assessore Prete va l’auspicio che possa far segnare un segno di discontinuità con il passato. Di seguito la nota del Comune.

DEIEZIONI CANINE

L’ASSESSORE ALLA TUTELA DEGLI ANIMALI, ANTONELLA PRETE
HA INCONTRATO LE ASSOCIAZIONI ANIMALISTE CITTADINE

L’assessore alla Tutela degli animali, Antonella Prete, ha incontrato le associazioni animaliste cittadine, “Il Branco”, “Enpa” e “Amici a quattro zampe” con le quali si è confrontata su alcuni temi legati al benessere animale e al tempo stesso al migliore connubio con la comunità, nell’ambito del Regolamento comunale.

Nel corso dell’incontro l’assessore ha espresso l’intenzione di operare in stretta sinergia in particolare su aspetti come quello legato alla sterilizzazione dei randagi (da attivare attraverso un’attività sinergica con la Asm), alle deiezioni canine, alle aree di sguinzagliamento e a quelle di sgambamento.

Fondamentale, ha aggiunto, operare anche per promuovere uno strumento come la pet therapy che ottiene risultati efficaci e operativi e che potrebbe essere utilizzata nelle scuole della città, a sostegno dei ragazzi con disabilità.

“E’ ovvio – sottolinea l’assessore Prete – che la presenza di queste realtà nella nostra città rappresenta una importante testimonianza civica con la quale operare, per fare in modo che gli animali si integrino con la comunità che sta già dimostrando grande sensibilità.

Iniziative comuni e analisi attenta delle azioni da mettere in campo, sono il metodo migliore per procedere e sulle cui linea guida l’incontro che si è svolto si orienterà ormai in modo organico.

Matera, 27 ottobre 2016