Quando si battono i pugni sul tavolo, a fin di bene, i risultati arrivano e l’effetto pollice verde coinvolge cittadini e società che ci tengono al decoro urbano, cominciando dall’adozione di rondò o rotatorie stradali. A confermarlo la conferenza stampa che l’assessore al verde urbano e ai lavori pubblici del Comune di Matera, Michele Casino, ha tenuto sul tema delle adozioni presentando associazioni, società e cittadini sottoscrittori della convenzione. Finora tra rondò e spazi verdi siamo a quota 51 e i risultati si vedono. L’operazione è a costo zero e ha una durata di cinque anni. Basta rivolgersi e presentare una domanda all’ufficio Verde del Comune, che dispone un sopralluogo. Segue perizia e via all’intesa in base al regolamento comunale sottoscritto nel 2005. Anzi l’assessore Michele Casino, prodigo di attestazioni positive verso il dirigente Giuseppe Montemurro e la struttura comunale, intende mettere mani al ”regolamento” per rimuovere limiti e contraddizioni che impediscono all’Amministrazione comunale di intervenire subito-per esempio- nel caso ci sia da rimuovere piante malate che potrebbero procurare danni a persone e cose. L’assessore va oltre e, pur ammettendo, che negli organici comunali non ci sia un agronomo o un dottore forestale, annuncia che sarà attivata una collaborazione per acquisire pareri. Un altro tema trattato è quello delle potature e il rione Piccianello, ma non solo, è quello che per la presenza dei lecci presenta i maggiori problemi, visto che le alberature raggiungono il primo piano degli edifici. Risorse sono state chieste all’assessore al Bilancio Eustachio Quintano affinchè si provveda. Ma non è semplice. Si potrebbe chiedere una mano alla Provincia che ha risorse umane da impiegare e che sono servite per la potatura dei lecci attorno alla sede dell’Ente. Il risultato è esemplare ( ad alcuni non è piaciuto) ma cattivi odori, sporcizia e rischi di incidenti procurati dal fitto guano…di piccioni e altri volatili sono stati rimossi. Il ”Pollice Verde” dell’Amministrazione comunale si è incrociato con quello dell’architetto Angelo Stagno, materano che vive a Vienna e appassionato come l’assessore degli scooter Vespa Piaggio, per un progetto, ormai in dirittura di arrivo, per la piantumazione di 40 alberi autoctoni in via Roma, in sostituzione di quelli divelti o abbattuti. E poi c’è il progetto delle Meridiane, in collaborazione con Giuseppe Bianco, idirettore del Centro di geodesia spaziale ” Giuseppe Colombo” e altri esperti, che porteranno al restauro degli antichi orologi solari e alla piantumazione di mandorli in piazza Vittorio Veneto. Cura del verde anche nei camposanti cittadini con l’apporto della cooperativa Lavoro Sociale, in vista della ricorrenza dei defunti, e in altri parchi cittadini. Casino ha ricordato l’apporto gratuito di società e di cittadini nei parchi d Lanera o dei Quattro Evangelisti e auspica si possa arrivare a un modello di gestione degli spazi verdi,con l’attivazione di parchi tematici. Spazi didattici, galleria d’arte all’aria aperta oltre allo sport e alla socializzazione sono alcune delle tipologie che sarà possibile attivare con il ”verde a disposizioni di tutti” e ”preso in cura da tutti”. Possibile? Basta lavorare, anche battendo i pugni sul tavolo, se occorre, e i risultati- a costo zero o quasi- arrivano.